1.6.16

Nuvole barocche

Cioran, uomo di grande lucidità, diceva che la vita, più che una corsa verso la morte, è una disperata fuga dalla nascita.
Quando veniamo al mondo affrontiamo una sofferenza e un disagio che ci portiamo avanti tutta la vita, quelli di un passaggio traumatico da una situazione conosciuta all'ignoto.
Questo è il primo grande disagio. Il secondo, non meno traumatico, è quando ci rendiamo conto che dovremo morire. Per me questa spaventosa consapevolezza è arrivata verso i quattro anni.
L'uomo diventa "grande", diventa spirituale o altro, quando riesce a superare questi disagi senza ignorarli.
Ora, se a essi si aggiunge anche l'esercizio della solitudine, ecco che allora forse, a differenza di altri che vivono protetti dal branco, alla fine della tua vita riesci a "consegnare alla morte una goccia di splendore", come recita quel grande poeta colombiano che è Alvaro Metis.
Se ti opponi, se ti rifiuti di attraversare e superare questi disagi, per sopravvivere ti organizzi affinché siano gli altri a occuparsene e deleghi.
Questa rinuncia ti toglie dignità, ti toglie la vita.
Credo che l'uomo, per salvarsi, debba sperimentare l'angoscia della solitudine e dell'emarginazione. La solitudine, come scelta o come costrizione, è un aiuto: ti obbliga a crescere.
Questa è la salvezza.

Fabrizio De Andrè

3 commenti:

  1. "La solitudine, come scelta o come costrizione, è un aiuto: ti obbliga a crescere.

    Vero. Per gioco mi piace dire che la solitudine è un vizio, un lusso che pochi possono concedersi.
    E che aiuti a crescere è un fatto. Prova ne sia che viviamo in una società che volendoci infantili, criminalizza a tal punto la solitudine da educare fin dall'asilo al culto della socializzazione.
    Così finisce che il piacere adulto del silenzio della solitudine cercata, amata, coltivata, ancora mi semina intorno sguardi e imbarazzi che mi danno la misura dell'immaturità del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "piacere adulto" è esattamente il motivo per cui ho ripreso la citazione di Faber: è uno di quei sapori che riconosci solo "da grande".
      Ciao Ross, al solito al centro del bersaglio!

      Elimina