25.1.12

HO LA FEBBRE IN TUTTO IL CORPO...


Domenica 19 agosto 1928
Mia amica. Ho la febbre in tuttoil corpo. Il tuo contatto mi ha riempito di tutte le dolcezze. Mai come inquesti lunghissimi giorni, ho tanto centellinato i sorsi della vita. Primavivevo le ore tranquille di Tantalo ed ora, oggi, l'oggi eterno che ci hauniti, vivo, senza saziarmi, tutti i sentiti armoniosi dell'amore tanto cari aShelley ed alla George Sand. Ti dissi - in quell'amplesso espansivo - quantotempo ti amavo, ma vorrei dirti anche quanto ti amerò, perché il pane dellamente che sa materializzare tutte le idealità elette dell'esistenza umana, cisarà la guida più esperì a ,pieno di tante abilità, risolutrice di tutti iproblemi nostri, che - e te lo dico con tutta la sincerità di un amico, di unamante di un compagno il nostro unisono bene sarà bello e lungo, godente epieno di tutti i sentimenti, grande e sconfinatamente eterno. Quando ti parlodi eternità - tutto ciò che il cuore ha voluto ed amato è eterno - voglioalludere all'eternità dell'amore. L'amore mai muore. L'amore che ha germogliatolontano dal vizio e dal pregiudizio, è puro e nella sua purezza non si puòcontaminare e l'incontaminato è dell'eternità. Vorrei potermi esprimere semprenel tuo idioma (Fina gli scriveva sempre in Castigliano, n.d.r.) per cantartiogni attimo del tempo la dolce canzone dell'anima mia, farti comprendere ipalpiti che percuote fortemente il cuore, le delicate figurazioni del pensieromio che di te invaghitesi non potrà mai dare il "finis" della suaelegia. Ma d'altra parte - io che credo che il mio amore è da tecontraccambiato con tutta la possanza della tua gioventù ancora in bocciolo,l'ho letto tante volte sulle tue nere pupille - mi contento nel sapere che percomprendere queste linee debbono essere rilette più di una volta da te. Tu nonavrai tempo di scrivermi. Tu devi ancora dedicarti allo studio. Baciami come ioti bacio. Rendimi duplicato il mio bene che ti voglio. Sappi che ti pensosempre, sempre, sempre. Sei l'angelo celestiale che mi accompagna in tutte leore tristi e liete di questa mia vita refrattaria e ribelle. Con te, ora esempre.
Tuo Severino

Severino è Severino di Giovanni,e la lettera è indirizzata ad America Josefina Scarfò detta "Fina",italoargentina di origine calabrese (Buenos Aires 1913-26 agosto 2006). Siamo,appunto, nella Argentina degli anni ’20, tra anarchia, terrorismo, amore edimpegno politico. Qui, la figura romantica di Fina diventa un’icona negliambienti anarchici. Sorella di Paulino ed Alejandro Scarfò, anarchici ecompagni di lotta di Severino, si innamora a 15 anni di quest’ultimo, e necondivide le sorti fino alla fucilazione, avvenuta il 1 febbraio 1931. Lastessa sorte tocca il giorno seguente al fratello Paulino. Restata sola, in unmondo assolutamente nemico, continua a mantenere viva la memoria dei suoi cari, ed avuto notizia, negli anni settanta, che la polizia federale argentina è ancorain possesso delle lettere d'amore che Severino  le aveva scritto, intraprende una lunga lottacon la stessa, al fine di ottenerne la restituzione, che finalmente ottienedurante il governo di Carlos Menem.  Fina  intanto si è laureata in lingua e letteraturaitaliana, ha fatto l'editrice per decenni, prendendosi a 86 anni il diplomauniversitario di "traductora publica" dal francese continuando afrequentare, nonostante l’età, l'università di Buenos Aires. Tutto ciò per adempieregiorno per giorno al monito di Severino che prima di morire le ha raccomandato"Continua a studiare!".
La storia d’amore è stata raccontatada Maria Luisa Magagnoli nel romanzo biografico “Uncaffè molto dolce” [Bollati Boringhieri, 1996]. Il racconto ripercorre letappe della storia d'amore e d'anarchia che nel tempo si è diffusa e propagataa macchia d'olio dall'America Latina in tutto il mondo. L'insegnante DiGiovanni è emigrato da Chieti in Argentina con la moglie Teresa e trefigli, approdando per caso nell'abitazione della famiglia Scarfò, d'originecalabrese - la madre Caterina Romano originaria di Tropea e il padre PietroScarfò di Portigliola - la quale offre ai Di Giovanni, in affitto, parte deipropri locali. Dalla convivenza tra le due famiglie nasce l'amore tra ilgiovane e la quindicenne Josefina America. Le lettere che Severino di tanto intanto fa recapitare alla ragazza contengono parole sublimi di ardore e passioneche però danno un tono sempre rispettoso alla relazione tra i due, incontraddizione con il modus operandi dell'anarchico che predilige, in nomedella sua libertà, le scorribande terroristiche cittadine dispensando dinamitee pallottole in decine e decine di attentati sanguinari. Per potere stareassieme a Severino, e quindi lontano dai suoi, America sposa, d'accordo conl'amante, un certo Silvio Astolfi che dopo la morte di Di Giovanni abbandona,troncando i rapporti con la propria famiglia.
"Come stanno lebegonie?" è il primo punto di domanda che Severino rivolge ad America perrompere il ghiaccio di quella che sarà la loro relazione sentimentale. E' lafrase che col tempo è divenuta "cult" tra i giovani [e meno giovani] argentiniper auspicarsi che l'inizio dell'approccio amoroso vada verso il buon esitosperato. Da tempo è adottata nello scambio degli auguri in occasione dellaFesta di San Valentino. [Per la cronaca, la risposta di Fina è stata "Sonotriste!"].
Arrestato e condannato a morte, aSeverino viene concesso di salutare Fina, anch’essa detenuta, primadell'esecuzione. Lei lo abbraccia, lui la bacia. Le chiede di badare aifigli che egli ha avuto con Teresa, sua moglie. America gli risponde: "Iltuo ricordo mi rimarrà fino alla morte". Lui la guarda con gli occhi pienidi lacrime e le dice:"Oh, Fina, tu sei così giovane!Devi continuare astudiare". Si baciano di nuovo. Fina esce, continua a guardarlo, perquesto inciampa in una grata e Severino le dice: "Stai attenta!".
I principali giornalisti diBuenos Aires assistono alla fucilazione. La miglior cronaca è quella di RobertoArlt che non aggiunge alcun commento da parte sua, si limita a descrivere quel “teatroirrazionale della forza bruta contro le idee. La scarica terminò con il piùbello tra i presenti", come conclude il suo articolo per  il Buenos Aires Herald.
Il giorno seguente cade anchePaulino Scarfò dinanzi al plotone di fucilazione. Sia Severino che Paulino,prima d’esser fucilati, sono stati barbaramente torturati dalla polizia diUriburu. Ma essi non fanno  il nome dinessun compagno. L’ultimo incontro tra Fina ed il fratello è brevissimo. Leinon riesce a dissimulare il proprio dolore nel vedere il suo volto gonfio. Luila trattiene: "Non piangere". Poi, con molto affetto, aggiunge:"Povera ragazza". Le bacia una guancia. Lei lo bacia con forza e glichiede: "Non vuoi vedere la mamma?".  Lui risponde: "No, non vedi comesto?". Gli si vedono tutti i segni delle torture. Poi aggiunge: “Stodesiderando che tutto questo termini una volta per tutte". La bacia. Finalo riabbraccia, si guardano negli occhi, ma non piange. L’agente di custodia  sollecita [possiamo immaginare con qualegarbo]  di farla finita. Fina se ne va,il passo deciso. Sia Severino che Paulino, di fronte all’ordine di far fuoco,  gridano con tutto l’ultimo fiato: "Vival’anarchia!". Accade nel penitenziario di Buenos Aires, e le scariche sonotalmente intense ed accanite da essere udite fino nei giardini del quartiere Palermo.  Nell’arco di 48 ore alla adolescente Fina hanno strappato due suoi grandi affetti. Resta sola, in unmondo assolutamente nemico. Ma combattiva, decisa, pugnace.
Ed innamorata di vita e di amore.

"Carissima, più che con lapenna, il testamento ideale m’è scaturito oggi dal cuore, quando ho parlato conte: le mie cose, i miei ideali. Bacia mio figlio, le mie figlie. Sii felice.Addio, unica dolcezza della mia povera vita. Ti bacio molto. Pensami sempre.
Il tuo Severino".

31 commenti:

  1. Parole bellissime, uno spaccato dell'esistenza umana vissuta con intenso "fervore".
    Sentimenti dal valore esemplare eterno.
    Bel post Max,non ti smentisci mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Cle: ma del resto, quando la carne sul fuoco è così saporita, come si fa a non condividerla?

      Elimina
  2. A proposito di anarchia (e di amore e di amicizia e di tante altre cose), distribuito sotto licenza Creative Commons 2.5 (Attribuzione, Non Commerciale, Condividi allo
    stesso modo), una licenza di tipo copyleft per consentirne la libera diffusione, sto leggendo "Né obbedire né comandare - lessico libertario" di Francesco Codello; il download è libero, se ti interessa lo trovi qui:
    http://www.eleuthera.it/files/materiali/ne_obbedire_ne_comandare_Francesco-Codello.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della segnalazione, dopo a casa, me lo scarico. Del resto, gli ideali dell'Anarchia hanno sempre esercitato un fascino sottile, su di me: chissà perchè, ma è un carattere comune e diffuso tra gli Italiani che emigrarono in America Latina. C'è il gustosissimo libro di Zelia Gattai, "Anarchici grazie a Dio" che rende bene il clima....

      Elimina
  3. Ecco di cosa abbiamo bisogno: di questa passione.
    Passione che si disperde, quando è piena, in mille rivoli, tutti vitali perché provenienti da un'unica fonte.
    Passione che si da nell'amore per un altro essere ma anche, insieme, nel combattere per un'idea di mondo dove quell'amore vive.
    Di questo abbiamo (ho) bisogno.
    Grazie.
    La più bella delle letture da molti giorni a questa parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, Ross, passione: il crederci fino in fondo, sentirsi intrisi dalla sacra causa come l'acqua nel cotone, sapendo che quel cotone intriso potrà curare una ferita come lucidare o detergere lo sporco come dissetare.

      Elimina
  4. grazie max per questa storia che non conoscevo e per la segnalazione del romanzo che riprenderò su a video spento. una lettura piena di vita. la vita, quella vera fatta di piccole cose, di quotidianità, ma anche di grandi dolori, amori, ideali, sogni e speranze fucilate da un plotone di esecuzione. perchè la vita degli altri in molti casi è anche la nostra vita, la nostra storia, il nostro granello di sabbia lasciato nel deserto della società.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Akio, il libro non so se è ancora reperibile, pensa che mi ha fatto tenerezza riprenderlo in mano, vedere che all'epoca investii ben 32.000 lire che assolutamente non rimpiango. Molto bello quello che hai scritto sul granello di sabbia, lo faccio mio.

      Elimina
    2. la metafora del granello di sabbia è di un mio amico che non c'è più e che spesso uso quando si parla di società arida. sono felice che ti sia piaciuta anche in riferimento al ricordo che ho di lui. ciao

      Elimina
    3. Ciao Akio: lascia che mandi un abbraccio ideale al tuo saggio amico.

      Elimina
    4. il tuo blog gli sarebbe piaciuto molto

      Elimina
  5. Gli ideali, questi sconosciuti in questi tempi di individualismo e menefreghismo. Eppure nelle rivoluzioni dei Paesi mediorientali quante persone hanno sacrificato la propria vita per un ideale. Speriamo che anche da noi torni un pò di passione civile, ce ne sarebbe tanto bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, Pyperita, chissà quanti, sull'altra sponda del mediterraneo, hanno avuto percorsi analoghi a quelli di cui si parla. Ecco, vedi la differenza: mentre loro cacciavano Mubarak, noi rendevamo onori e denari alla sua nipotina....

      Elimina
  6. Una pagina densa di passione, quella passione che segna ineluttabilmente l'anima e la fa bella di luce...l'Amore che accoglie e dona, l'Amore che colma e abbraccia...l'Amore in tutta la sua immensità, nonostante il dolore.
    grazie per questa pagina

    ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Blue, è esattamente il motivo per cui ho postato. Pare impossibile che un accanito terrorista sanguinario possa essere così dolce, eppure..."Omnia vincit amor",dicevano i latini, e non si può certo dar loro torto...

      Un abbraccio anche a te

      Elimina
  7. Altri tempi irrimediabilmente persi. Per gli ideali che mancano, per le parole che non sanno più esprimere i sentimenti: TVB e un "emoticon" fanno vibrare il cuore dei nuovi innamorati (a anche dei più barzotti) il twitt o i baci su lla bacheca di fb. Suvvia vuoi morire d'amore e non portare teco ipad, l'iphone, l'i fattelappesca, per dire al mondo che esal(t)i l'ultima nuvoletta nell'ultimo sms?

    sheratvbvvbeviadiscorrendo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Shera: in effetti, credo che la diffusione degli I-qualcosa sia stata vissuta da troppa gente non come un mezzo, ma come un fine, con le conseguenze che tu hai ben evidenziato.

      Purtroppo.

      [Anni fa, scrissi che eravamo passati dalla generazione che suonava "Bandiera Rossa" a quella del "Nokia's tube". Che tristezza.]

      Elimina
  8. Mi colpisce la dignità dei morenti, più che il languore tenero di chi resta; una dignità che cerca di risparmiare ulteriori dolori, una dignità che benedice chi rimane; una dignità che è Amore puro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, Linda, amore puro: inatteso, in una persona violenta, per la legge. O inevitabile, proprio come reazione a tanto orrore.

      Elimina
  9. Di fronte a vite come queste le nostre sembrano perdere ogni significato...
    Ci si chiede da dove riprendere il bandolo per non farlo sbiadire del tutto...
    Forse dal monito di continuare a imparare.

    Notarella: una sola domanda, forse moralistica (so che è un mio difetto): ma la moglie, madre dei suoi figli, era così pessima da essere esclusa tout-court da ogni ricordo di dolcezza?
    (scusami la prosaicitazizzazione (!) ma la sorte degli 'esclusi' mi amareggia sempre...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leira, in effetti la tua domanda, più che moralistica, la vedo densa di sana curiosità. Indagheremo....

      Elimina
  10. Parole bellissime, non posso aggiungere altro, se non un "grazie" a te per avermele fatte conoscere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averle apprezzate!

      Elimina
  11. Nn era lontana la passione politica di Severino da quell'altra passione, quella amorosa.
    Così come altri, come il Che Guevara, in un misto di passione e coraggio, ideale ed amore:

    Addio, mia unica.
    Non tremare davanti
    alla fame dei lupi
    e nemmeno davanti
    al freddo intenso
    dell'assenza.
    Nel cuore ti porto
    e uniti seguiremo
    finché la strada
    si sfuma.

    Tenera, bellissima.

    Baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Missi, mio figlio ha messo questi stessi versi sulla copertina di un cd che ha "compilato" per una sua amica.....evidentemente, siamo dalle parti delle parole come carezze....

      Elimina
  12. http://ilsilenziodeisentimenti.blogspot.com/

    Sono approdato qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne prendo immediatamente nota, carissimo!

      Elimina
  13. bello e didattico :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, vero? Sapevo che avresti apprezzato :)

      Elimina
  14. Anonymous2/2/12 12:21

    Massimo, è un sacco che sto provando a rintracciarti. Ho lasciato un commento su un blog che credevo fosse il tuo, ma devo essermi sbagliata.
    Gipsy


    Ti dirò, sono anch'io "moralista" e ho qualche riserva su questa bella storia "passionale" perchè mi metto dalla parte della moglie, soppiantata da una quindicenne...

    comunque mi trovi qui:

    http://gipsy2011.wordpress.com/

    ...ma non riesco ad inserire questo URL nella casella del tuo post che autorizza il commento. Quindi ti risulterà anonimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gipsy, pensa che nella migrazione sono incappato nel tuo stesso errore, sono andato a commentare un'altra....la quale, peraltro, si è prontamente risentita....bello ritrovare anche te, ho già provveduto ad inserirti. So che ci sono dei problemi per inserire gli URL, mi sa che dovrò lavorarci. Detto questo, potrei cercare di dare un po' di solidarietà maschile al buon Severino pensando che in effetti le ragazze meridionali fioriscono in fretta, anche quelle non "nipoti di".....
      Mi sa che indagherò, sulla sorte della moglie tradita (ma non aspettatevi modellini o Crepet assortiti...)

      Elimina